Riflessologia Plantare. Che cos’è? A cosa serve?

riflessologia plantare

Vediamo di capire bene di cosa stiamo parlando e che cos’è la riflessologia plantare.

Il massaggio plantare permette il riequilibrio energetico di organi, nervi, muscoli, ghiandole e altre parti del nostro corpo.

I piedi rappresentano il più grande recettore periferico del nostro corpo. Pieni di innervazioni che provengono e vanno in ogni parte nel nostro organismo, sono

profondamente connessi e in dialogo con tutto il nostro essere e ci segnalano in ogni momento eventuali squilibri dovuti alle normali difficoltà della vita quotidiana.

La riflessologia ci permette di leggere questi squilibri e correggerli, con massaggi mirati e pressioni leggere su punti specifici della pianta del piede.

Il nostro organismo è disciplinato e regolato da forze elettro-deboli che a causa delle preoccupazioni e dello stress vengono alterate. Il massaggio plantare, agendo anch’esso secondo forze elettro-deboli, ci ridona equilibrio per farci ripartire con più energia fisica e mentale e per darci quella sensazione di rilassatezza e riposo di cui abbiamo bisogno.

Origini

Il massaggio plantare ha origini antichissime. Nato e diffuso nella cultura orientale cinese migliaia di anni fa, la riflessologia plantare arriva in occidente nei primi anni del Novecento per merito di un otorinolaringoiatra statunitense, William Fitzgerald. Tuttavia, documenti e testimonianze raccolte, ci portano a pensare che questa tecnica venisse praticata anche dalle civiltà precolombiane e dai pellerossa.


William Fitzgerald nel 1910 arrivò a disegnare una mappa del corpo umano attraversato da dieci meridiani verticali che partivano dalla testa e arrivavano ai piedi e dividevano il corpo in dieci parti uguali. Queste parti e gli organi poi trovavano i corrispondenti punti riflessi nelle mani e nei piedi. Fu così che venne creata la prima mappa dettagliata delle zone riflesse localizzabili sul piede umano.

Egli utilizzava questa tecnica per anestetizzare i suoi pazienti prima di ogni operazione dentale. Riducendo ansia e dolore in chi si prestava al trattamento dentale.

Oggi giorno, la riflessologia offre uno spettro molto più ampio di benefici. Allevia lo stress, cura ansie, riequilibra la circolazione sanguigna, risolve problematiche intestinali e c’è chi addirittura la usa come deterrente per eliminare il desiderio di fumare. Basicamente è utilissima per alleviare congestioni, tensioni e infiammazioni eventualmente presenti nel nostro corpo. Ottimi effetti sono stati riscontrati per esempio su chi soffre saltuariamente di Mal di Schiena e Mal di Testa. 


Spero ora possa esservi un po più chiaro che cos’è la riflessologia plantare.

Controindicazioni e Rimedi Fai da Te

Quando ci troviamo in presenza di patologie certificate e/o croniche, la riflessologia plantare non deve essere intesa come sostitutivo di un trattamento farmacologico. Inoltre, in presenza di individui affetti da diabete – dipendente, di osteoporosi e nelle donne in gravidanza, sarà preferibile evitare il trattamento in questione. E’ preferibile ricevere il massaggio riflessologico lontano dai pasti.

Non possiamo paragonare questi piccoli consigli con il servizio offerto da un terapista-massaggiatore nel suo centro. Tuttavia vogliamo invitarvi comunque, cari lettori, a prendervi cura di voi stessi e dei vostri piedi.

 

-Pediluvio: 

Munirsi di una bacinella, acqua calda, tiepida o fredda (a seconda dei casi), bicarbonato, sale, tè, infusi, oli essenziali a scelta e un asciugamano.

 

Per rilassare il piede, lasciarlo in ammollo in acqua calda per circa 15-20 minuti e poi ritirarlo, asciugarlo e massaggiarlo con le mani e con una crema idratante. 

 

Per piedi gonfi aggiungere in acqua del sale e del bicarbonato. Sciogliere il tutto e immergere i piedi. Lasciare il piede in ammollo per circa 10 minuti in  acqua molto fredda. 

 

Per eliminare cattivi odori aggiungere nella bacinella dell’ammollo, una infusione calda di Tè Nero e Zenzero insieme a due cucchiaini di sale grosso. Lasciare il piede in ammollo per circa 15 minuti in acqua calda.

 

Auto-massaggio:

Munirsi di una semplice pallina da golf o similare. L’importante che sia abbastanza consistente. Lasciare la pallina al suolo e appoggiare sopra la pianta del piede. Con molta calma e delicatezza, premere la pianta del piede sulla pallina facendola ruotare su e giù. Cercate di andare a stimolare poco a poco tutta la superficie della pianta del piede. Noterete un piacevole sollievo e anche un certo grado di soddisfazione leggera percorrevi tutto il corpo. Se in alcuni punti della superficie plantare, alla pressione contro la pallina, riscontrate qualche dolore, semplicemente sollevare leggermente il peso in modo da esercitare meno pressione. 

Godetevi il Massaggio.

 

Nel caso tutti questi piccoli consigli non siano sufficienti per voi, Momento Massage si rende disponibile con i suoi servizi di riflessologia plantare a Treviso. Sessioni da 30 / 60 minuti. 

Sperando vi sia piaciuto questo piccolo Blog sul che cos’è la riflessologia plantare.



By Team Momento Massage